Pesca sportiva, il San Giovanni nel piano di ripopolamento delle specie ittiche

15 Ott2019

Oltre 41 mila esemplari di piccoli pesci della specie “trota fario” saranno immessi fino al 21 ottobre nei fiumi e corsi d’acqua della Basilicata. Lo prevede il Piano di ripopolamento ittico promosso dal Dipartimento regionale Politiche agricole e forestali condiviso con le associazioni dei pescatori riconosciute e presenti nel territorio, che ha preso il via oggi.
In una seconda fase, a partire dalla metà del mese di dicembre fino alla metà di gennaio, saranno immessi altri 6.175 esemplari di trote fario adulte.

Le operazioni d’immissione saranno effettuate con il controllo del personale della Polizia Provinciale e delle guardie ittiche volontarie, secondo un cronoprogramma. Interessate, tra gli altri siti, la Fiumara del Pegno ed il San Giovanni di Castelluccio Inferiore.

“Si tratta – sostiene l’assessore Francesco Fanelli - del primo di una serie di interventi in programma per ripopolare le acque interne dell’intero territorio. Un’azione richiesta da tempo che intende non solo rilanciare la pesca sportiva ma che ha anche lo scopo di garantire un utilizzo corretto e sostenibile delle risorse ambientali. Ricordo che sono oltre 5000 i pescatori sportivi che si dedicano in Basilicata a tale attività”.

Raggiungiamo telefonicamente il Sindaco Campanella che soddisfatto, vede in questa operazione un’ottima opportunità per il borgo di Castelluccio.

Sempre pronta ad appoggiare le attività sportive, la compagine amministrativa si era fatta promotrice della proposta di ripopolamento dei fiumi presso l'assessorato regionale.

Il primo cittadino conclude il suo intervento assicurando controlli e vigilanza nelle aree interessate dal ripopolamento al fine di arginare il fenomeno della pesca di frodo, ovvero contraria alle norme vigenti.

Categorie: 
Condividi: